StethoCloud applicazione per smartphone che promette una soluzione a basso costo per la diagnosi di polmonite

Molti non sanno che la polmonite è la principale causa di morte per i bambini, uccidendone ogni anno 14 milioni, più della tubercolosi dell’aids e della malaria messi insieme.

Un team di scienziati ha inventato in Australia un applicazione per smartphone che può aiutare a diagnosticare le condizioni della polmonite senza l’appoggio di un medico.

stethocloudappclose-up-4.JPG


L’applicazione StethoCloud guida l’utente attraverso il metodo corretto per ascoltare il respiro di un paziente grazie ad un piccolo microfono che si collega all’ingresso audio dello smartphone ed ad uno stetoscopio posto sul corpo del paziente.

Quando l’applicazione ha registrato sufficienti informazioni, il telefono cellulare lo trasmette ad un server per filtrare i rumori e analizzare i dati. Una volta che il server ha esaminato queste informazioni, i risultati vengono inviati al telefono con raccomandazioni per il trattamento.

stethocloudappclose-up-0.JPG


La maggior parte dei morti per polmonite provengono da paesi in via di sviluppo dove stetoscopi e i medici necessari per diagnosticare con precisione la malattia scarseggiano. I sintomi correlati con la polmonite spesso sono ingannevoli facendo credere a condizioni meno nocive, così la gente di solito non cerca l’aiuto immediato del medico. il StethoCloud può essenzialmente essere visto come un “medico portatile” e l’allegato stetoscopio dovrebbe costare circa 20 dollari, molto meno rispetto alle diverse centinaia di dollari dei stetoscopi digitali presenti sul mercato. Il team sta attualmente lavorando con ospedali pediatrici in Australia per sviluppare protocolli di ricerca per i test sul campo. Gli attacchi stethomic sono già stati spediti agli ospedali in Ghana, Malesia e Mozambico.

StethoCloud applicazione per smartphone che promette una soluzione a basso costo per la diagnosi di polmoniteultima modifica: 2012-09-05T13:17:00+02:00da diavolodelmare
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento