Toyota Smart INSECT la nuova auto elettrica monoposto.

La Toyota ha deciso di creare questa nuova auto elettrica monoposto con la prospettiva di ridurre l’emissioni nei centri urbani.

Un piccolo gioiello di tecnologia marchiato Toyota che offre al conducente una tecnologia di bordo unica.

Insect sta per “Information Network Social Electric City Transporter” e vorrebbe collegare la casa, il veicolo e le persone in modi completamente innovativi tramite i servizi di Toyota cloud.

L’auto è alimentata da un motore elettrico con un autonomia di 50km e con una velocità massima raggiungibile di 60 km orari.

toyota_smart_insect_top.jpg

Le portiere si aprono ad ala di gabbiano e l’auto include nuove funzionalità come il riconoscimento vocale del viso.

I sensori di movimento e le telecamere dell’auto riescono a riconoscere il guidatore quando si avvicina, e lo salutano con luci lampeggianti, suoni e messaggi dal cruscotto. Si anticipa anche le intenzioni del conducente tramite il monitoraggio dei movimenti del corpo, come ad esempio aprire le porte automaticamente quando il conducente raggiunge il veicolo.

L’interno dispone di un ampio display sopra il volante, che fornisce un dettagliato sistema di navigazione GPS. Questo è collegato al cloud-based Toyota Smart Center, che ospita un agente virtuale in grado di fornire istruzioni di navigazione attraverso comandi vocali. Poiché i dati utente si accumulano nel cloud, il sistema apprende le preferenze del conducente e le destinazioni comuni, come ad esempio “casa” o “ufficio”.

 

L’auto è in grado anche di dare suggerimenti al conducente, dai ristoranti alle liste di brani, in base ai gusti personali accumulati nel database. In più la Toyota Smart Insect può consentire ai proprietari tramite accessori compatibili di bloccare a distanza la loro casa o attivare il condizionatore d’aria dell’abitazione.

Il prezzo di questo gioiello della tecnologia è di circa 8000 euro.

Toyota Smart INSECT la nuova auto elettrica monoposto.ultima modifica: 2012-10-04T12:49:54+02:00da diavolodelmare
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento