Volvo presenta il nuovo sistema auto frenante di rilevamento pedoni e ciclisti

La sicurezza stradale è uno dei principi base di chi progetta automobili. Mentre con l’avvento degli airbag si è cercato di tutelare le persone all’interno dell’abitacolo, la Volvo si è concentrata anche nel tutelare chi si trova a rischio di collisione con l’automobile.

Al salone dell’auto di Ginevra che inizia il 7 marzo 2013, la Volvo presenterà il primo sistema auto frenante al mondo di rivelazione ciclisti e pedoni.

volvo,pedestrian detection,sistema auto frenante volvo,motori

Il nuovo sistema è essenzialmente un aggiornamento del software attuale di sistema Pedestrian Detection. Questo sistema utilizza dei sensori per rilevare quando un pedone esce di fronte ad una macchina e frena automaticamente.

 

Grazie alle nuove modifiche, l’aggiornamento del sistema è stato migliorato per rilevare i ciclisti in determinate situazioni, come ad esempio uno sbandamento di fronte alla macchina. Questo nuovo sistema auto frenante utilizza un radar dual mode che è integrato nella griglia della vettura in modo tale da rilevare gli oggetti di fronte alla macchina e calcolare la distanza da loro.

Il radar offre un ampio campo visivo per consentire al sistema di rilevare pedoni e ciclisti. Una videocamera ad alta risoluzione montati davanti al retrovisore viene quindi utilizzato per identificare il tipo di oggetto rilevato dal radar e calcolare il loro modello di movimento.

 

I dati del radar e della telecamera finiscono in una unità centrale di controllo che controlla continuamente la situazione del traffico. Nel caso di un oggetto in rotta di collisione questo sistema avverte con un flash di avvertimento rosso sul parabrezza e aziona il sistema di frenata automatica applicando la massima forza frenante, se necessario. Volvo dice che il sistema sarà disponibile nella sua V40, S60, V60, XC60, V70, XC70 e S80 modelli a partire da metà maggio 2013.

Volvo presenta il nuovo sistema auto frenante di rilevamento pedoni e ciclistiultima modifica: 2013-03-07T03:59:00+01:00da diavolodelmare
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento