Filmografia e oscar vinti da Liz Taylor ? scoprilo su risposteonline

Liz taylor si è spenta ieri all’età di 79 anni.

Liz era un attrice inglese, nota per i suoi occhi viola e per le sue doti di recitazione che le hanno fatto vincere due premi Oscar.

Altra pecularietà che rendevano unica questa attrice, erano i suoi 8 matrimoni rispettivamente con :

 

Conrad Hilton, Jr., erede della famiglia Hilton (6 maggio 1950 – 29 gennaio 1951) – divorziata

Michael Wilding, attore (21 febbraio 1952 – 26 gennaio 1957) – divorziata

Mike Todd, produttore (2 febbraio 1957 – 22 marzo 1958) – vedova

Eddie Fisher, cantante (12 maggio 1959 – 6 marzo 1964) – divorziata

Richard Burton, attore (15 marzo 1964 – 26 giugno 1974) – divorziata

Richard Burton (2° matrimonio) (10 ottobre 1975 – 29 luglio 1976) – divorziata

John Warner, senatore (4 dicembre 1976 – 7 novembre 1982) – divorziata

Larry Fortensky (6 ottobre 1991 – 31 ottobre 1996) – divorziata

La Taylor ha vinto due Oscar alla migliore attrice. La prima statuetta le venne attribuita per l’interpretazione in Venere in visone (1960) di Daniel Mann, e la seconda per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966) di Mike Nichols, che molti considerano la sua miglior performance.

Filmografia

Cinema

There’s One Born Every Minute, regia di Harold Young (1942)

Torna a casa Lassie! (Lassie Come Home), regia di Fred M. Wilcox (1943)

La porta proibita (Jane Eyre), regia di Robert Stevenson (1943) – Non accreditata

Le bianche scogliere di Dover (The White Cliffs of Dover), regia di Clarence Brown (1944) – Non accreditata

Gran Premio (National Velvet), regia di Clarence Brown (1944)

Il coraggio di Lassie (Courage of Lassie), regia di Fred M. Wilcox (1946)

Vita col padre (Life with Father), regia di Michael Curtiz (1947)

Cinzia (Cynthia), regia di Robert Z. Leonard (1947)

Così sono le donne (A Date with Judy), regia di Richard Thorpe (1948)

La bella imprudente (Julia Misbehaves), regia di Jack Conway (1948)

Piccole donne (Little Women), regia di Mervyn LeRoy (1949)

Alto tradimento (Conspirator), regia di Victor Saville (1949)

La sbornia di David (The Big Hangover) (1950), regia di Norman Krasna

Il padre della sposa (Father of the Bride), regia di Vincente Minnelli (1950)

Papà diventa nonno (Father’s Little Dividend), regia di Vincente Minnelli (1951)

Un posto al sole (A Place in the Sun), regia di George Stevens (1951)

Quo vadis? (Quo Vadis), regia di Mervyn LeRoy (1951) – Non accreditata

Callaway Went Thataway, regia di Melvin Frank e Norman Panama (1951) … Se stessa – Non accreditata

Marito per forza (Love Is Better Than Ever), regia di Stanley Donen (1952)

Ivanhoe (Ivanhoe), regia di Richard Thorpe (1952)

Vita inquieta (The Girl Who Had Everything), regia di Richard Thorpe (1953)

Rapsodia (Rhapsody), regia di Charles Vidor (1954)

La pista degli elefanti (Elephant Walk), regia di William Dieterle (1954)

Lord Brummell (Beau Brummell), regia di Curtis Bernhardt (1954)

L’ultima volta che vidi Parigi (The Last Time I Saw Paris), regia di Richard Brooks (1954)

Il gigante (Giant), regia di George Stevens (1955)

L’albero della vita (Raintree County), regia di Edward Dmytryk (1957)

La gatta sul tetto che scotta (Cat on a Hot Tin Roof), regia di Richard Brooks (1958)

Improvvisamente l’estate scorsa (Suddenly, Last Summer), regia di Joseph L. Mankiewicz (1959)

Scent of Mystery, regia di Jack Cardiff (1960) – Non accreditata

Venere in visone (BUtterfield 8), regia di Daniel Mann (1960)

Cleopatra, regia di Joseph L. Mankiewicz (1963)

International Hotel (The V.I.P.s), regia di Anthony Asquith (1963)

Castelli di sabbia (The Sandpiper), regia di Vincent Minnelli (1965)

Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who’s Afraid of Virginia Woolf?), regia di Mike Nichols (1966)

La bisbetica domata (The Taming of the Shrew), regia di Franco Zeffirelli (1967)

Il dottor Faustus (Doctor Faustus), regia di Richard Burton e Nevill Coghill (1967)

Riflessi in un occhio d’oro (Reflections in a Golden Eye), regia di John Huston (1967)

I commedianti (The Comedians), regia di Peter Glenville (1967)

La scogliera dei desideri (Boom), regia di Joseph Losey (1968)

Cerimonia segreta (Secret Ceremony), regia di Joseph Losey (1968)

Anna dei mille giorni (Anne of the Thousand Days), regia di Charles Jarrott (1969) – Non accreditata

L’unico gioco in città (The Only Game in Town), regia di George Stevens (1970)

X, y & “Zi” (Zee and Co.), regia di Brian G. Hutton (1972)

Under Milk Wood (Under Milk Wood), regia di Andrew Sinclair (1972)

Una faccia di c… (Hammersmith Is Out), regia di Peter Ustinov (1972)

Ad un’ora della notte (Night Watch), regia di Brian G. Hutton (1973)

Mercoledì delle ceneri (Ash Wednesday), regia di Larry Peerce (1973)

Identikit, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1974)

Il giardino della felicità (The Blue Bird), regia di George Cukor (1976)

Gigi (A Little Night Music), regia di Harold Prince (1977)

Rebus per un assassinio (Winter Kills), regia di William Richert (1979) – Non accreditata

Assassinio allo specchio (The Mirror Crack’d), regia di Guy Hamilton (1980)

Il giovane Toscanini, regia di Franco Zeffirelli (1988)

I Flintstones (The Flintstones), regia di Brian Levant (1994)

Televisione

Divorzia lui, divorzia lei (Divorce His – Divorce Hers), regia di Waris Hussein (1973) – Film TV

La lunga notte di Entebbe (Victory at Entebbe), regia di Marvin J. Chomsky (1976) – Film TV

Hallmark Hall of Fame : # 28.1, episodio Un amore impossibile (1978) – Serie TV

General Hospital : 3 episodi (1981) – Soap Opera

Between Friends, regia di Lou Antonio (1983) – Film TV

La valle dei pini (1983-1984) – Soap Opera

Hotel : # 2.1 (1984) – Serie TV

Malizia a Hollywood (Malice in Wonderland), regia di Gus Trikonis (1985) – Film TV

Nord e Sud (1985) – Miniserie TV

Una lettera per Josh (There Must Be a Pony), regia di Joseph Sargent (1986) – Film TV

Poker Alice (Poker Alice), regia di Arthur Allan Seidelman (1987) – Film TV

La dolce ala della giovinezza (Sweet Bird of Youth), regia di Nicolas Roeg (1989) – Film TV

Capitan Planet e i Planeteers : # 3.11 (1992)… Voce

I Simpson : # 4.10, episodio La prima parola di Lisa (1992); # 4.22 (1993) … Voce di Maggie

Murphy Brown : # 8.18 (1996) – Sitcom … Se stessa

La tata : # 3.21 (1996) – Sitcom … Se stessa

These Old Broads, regia di Matthew Diamond (2001) – Film TV

God, the Devil and Bob : # 1.12 (2001) – Serie TV … Voce

Vincitori oscar 2011

I pronostici che vedevano il film di Tom hooper “Il discorso del re” come candidato numero 1 a vincere più oscar era esatti.

Il film si è portato a casa ben 4 oscar, per il Miglior Regista, Miglior Attore Protagonista, Miglior Film e Miglior Sceneggiatura Originale!

oscar 2011.jpg

Ecco qui di seguito tutti i vincitori della notte degli oscar del 2011:

 

MIGLIOR FILM

Il discorso del Re

Il ‘popolo’ ha votato e il re ha la sua meritatissima corona: il Giorgio VI di Hooper ha la meglio sul cigno nero di Darren Aronofsky e sul super quotato “The Social network” di David Dincher.

MIGLIOR REGIA

Tom Hooper

Premiato da Kathryn Bigelow e Hilary Swank, il giovane regista inglese sbaraglia la concorrenza. Niente da fare per i fratelli Coen e Danny Boyle.

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Colin Firth per “Il discorso del re”

I pronostici non si sbagliavano. La performance di Firth ha lasciato il segno nella storia del cinema: il suo re ha la meglio su tutti.
Delusione per il bravissimo ‘conduttore’ James Franco e le “127 ore” di Boyle.

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Natalie Portman per “Il cigno nero”

L’ex enfant prodige di Hollywood porta a casa una meritatissima statuetta. La sua Nina è fragile e al tempo stesso carismatica. Niente da fare per la Kidman!

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Christian Bale per “The Fighter”

L’Academy non ha dubbi: è lui il miglior attore non protagonista. Il Batman del grande schermo ruba la scena a Geoffrey Rush e alla sua straordinaria performance ne “Il discorso del re”.

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Melissa Leo  per “The Fighter”

La pellicola di David O. Russell ha la sua seconda statuetta. L’attrice newyorkese è la migliore. Bocca asciutta per la ‘regina’ Helena Bonham Carter.

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Aaron Sorkin per “The Social Network”

Oscar di consolazione per la pellicola di Fincher. Ad essere premiata è la sceneggiatura brillante di Aaron Sorkin.

 

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

David Seidler per “Il discorso del re”

Oscar numero quattro per la squadra di Hooper! Come non premiare una pellicola che ha fatto della parola la sua arma vincente?

MIGLIOR FILM ANIMAZIONE

Toy Story 3

Impossibile immaginare un altro titolo. La pellicola della Pixar, super favorita da sempre, batte al tappeto “Dragon Trainer” e l’intenso “L’illusionista”.

 

MIGLIOR FILM STRANIERO

In un mondo migliore

Susanne Bier ha la meglio sul messicano Alejandro González Iñárritu (“Biutiful”). Delusione per “La donna che canta” di Denis Villeneuve.

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Stefan Dechant per “Alice in Wonderland”

E’ il mondo fantastico di Stefan Dechan ad incantare la giuria. Primo Oscar della serata per le ‘meraviglie’ di Tim Burton.

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Wally Pfister per “Inception”

Le immagini parlano da sé: Pfister incanta. Seppur la pellicola di Nolan nulla possa contro l’imponente re di Hooper, nei premi ‘tecnici’ sembra non avere rivali.
Peccato per “Il Grinta” è i suoi ‘panorami’…

 

MIGLIOR MONTAGGIO

Kirk Baxter e Angus Wall per “The Social Network”

Oscar numero due per il film di Fincher! I continui flash back hanno avuto l’effetto desiderato, il montaggio caratterizza la pellicola e la storia.

 

MIGLIOR COSTUME

Colleen Atwood per “Alice in Wonderland”

E’ ancora una volta la fantasia ad avere la meglio! La precisione e la creatività della Atwood sono giustamente premiate.

 

MIGLIOR TRUCCO

Rick Baker e Dave Elsey “Wolfman”

Il viso ‘trasformato’ in lupo di Benicio Del Toro parla da solo. Il suo “Wolfman” è più che mai accattivante e verosimile.

 

MIGLIOR COLONNA SONORA

Trent Reznor e Atticus Ross per “The Social Network”

La squadra di Fincher torna sul palco per ritirare questa volta la statuetta per la Miglior Colonna Sonora.


MIGLIOR CANZONE

“We Belong Together” di Randy Newman per “Toy story 3 – La grande fuga”

L’animazione Pixar è ancora premiata: ad emozionare questa volta è la melodia di Randy Newman…

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO E MIGLIOR MONTAGGIO MISSAGGIO SONORO

“Inception”

Altri due Oscar per “Inception”. I suoni e l’azione di Nolan lasciano il segno nella serata.

MIGLIOR EFFETTI SPECIALI (visivi)

“Inception” (Chris Corbould, Andrew Lockley, Pete Bebb, Paul J. Franklin)

L’Academy premia l’immaginario onirico di “Inception”. Gli effetti speciali sono costruiti alla perfezione.

MIGLIOR DOCUMENTARIO

“Inside Job” di Charles Ferguson

L’energia dirompente del documentario di Ferguson ha la meglio sull’artistico mondo di Banksy e del suo “Exit Through the Gift Shop”

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE

“The Lost Thing” di Shaun Tan e Andrew Ruhemann

Diretto da Andrew Ruhemann e Shaun Tan, narrato dalla voce di Tim Minchin, il corto racconta la storia di un ragazzo che trova una strana creatura sulla spiaggia e decide di trovarle… una casa.


MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

“God of Love” di Luke Matheny

Triofa il cupido di Luke Matheny. Le sue freccette ‘magiche’ fanno innamorare la giuria!

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

“Strangers No More” di Karen Goodman e Kirk Simon

In una scuola di Tel Aviv, bambini di 48 diversi paesi e culture studiano assieme.

 

 

Film in uscita al cinema la seconda metà di febbraio 2011?

Uscite al cinema del 18 febbraio 2011

Amore & altri rimedi

Amore & altri rimedi - visualizza locandina ingrandita

Maggie è un seducente spirito libero, che per nessun motivo al mondo cederebbe alla tentazione di un legame. Un giorno, incontra Jamie, un giovane dal fascino infallibile sia con le donne sia nella sua attività lavorativa, lo spietato mondo dell’industria farmaceutica. L’evoluzione del loro rapporto prende entrambi di sorpresa, e li lascia sotto l’influenza del farmaco più potente: l’amore

Come lo sai

 

Come lo sai - visualizza locandina ingrandita

 

 



La vita di Lisa viene improvvisamente sconvolta quando scopre di essere stata tagliata fuori dalla nazionale femminile di softball. Tutto cio’ per cui aveva lavorato duramente dall’età di otto anni è finito e, per la prima volta nella sua vita, non sa cosa fare. Decide di consolarsi tra le braccia di un uomo. Ma chi? Manny, l’affascinante giocatore di baseball professionista, o George, l’uomo d’affari dolce ma un po’ goffo? Entrambi sono innamorati di lei e vogliono aiutarla a rimettersi in piedi.

Il cigno nero – Black Swan

 


Il cigno nero - Black Swan - visualizza locandina ingrandita

Ambientato nel mondo del balletto, il film vede Natalie Portman nei panni di Nina, una veterana della danza che deve fare i conti con la spietata rivalità della più giovane Lily (Mila Kunis): ma senza avere certezza che Lily sia reale e non una creazione della sua mente e senza che questo impedisca la nascita di un’ossessione omoerotica.

Il grinta

Il padre e lo straniero

Il padre e lo straniero - visualizza locandina ingrandita

Sullo sfondo di una Roma dai toni medio-orientali si dipana un giallo con protagonisti l’italiano Diego (Alessandro Gassman) e il siriano Walid (Amr Waked). I due stringono una profonda amicizia, uniti dall’amore per i propri figli, entrambi purtroppo disabili. L’amicizia cambierà i due uomini, anche se Walid nasconde molti segreti in cui Diego viene inconsapevolmente coinvolto, mettendo alla prova il loro rapporto. I sentimenti di Walid sono sinceri o parte di un intrigo internazionale in cui Diego è solo una pedina? Walid infatti a un tratto scompare e Diego si ritrova ad essere indagato dai Servizi Segreti.

Sono il numero quattro


Sono il numero quattro - visualizza locandina ingrandita

Tre sono morti. Chi è il Numero Quattro? D.J. Caruso dirige un thriller ricco di azione sulla storia di un ragazzo straordinario, John Smith (Alex Pettyfer), in fuga da spietati nemici inviati per annientarlo. Cambia identità, si sposta di città in città con il suo guardiamo Henri (Timothy Olyphant), John è sempre un nuovo ragazzo senza alcun legame con il passato. Nella piccola cittadina dell’Ohio che ora chiama casa, John va incontro a inaspettati eventi che cambiano la sua vita: il primo amore (Dianna Agron), nuovi poteri e un legame con altri con cui condivide uno stesso incredibile destino.

The Shock Labyrinth: Extreme 3D

 


The Shock Labyrinth: Extreme 3D - visualizza locandina ingrandita

Una ragazza ritorna misteriosamente a 10 anni dalla sua scomparsa, avvenuta durante una gita al lunapark. Gli amici l’accolgono sorpresi e felici, ma sono costretti a portarla d’urgenza in ospedale per un improvviso collasso. L’ospedale si rivelerà pero’ un luogo da incubo, un terrificante e mortale labirinto degli orrori…

Un gelido inverno

 


Un gelido inverno - visualizza locandina ingrandita

Ree Dolly ha diciassette anni, è cresciuta troppo in fretta ed è alla disperata ricerca di suo padre, Jessup, che ha ipotecato la casa per pagarsi la cauzione ed uscire di prigione. Ree accudisce i due fratellini e la madre malata: se suo padre non si presenta in tribunale resterà, oltre che senza soldi, senza casa. Monti Ozark, Missouri, profonda America del Mid-West, povertà e un padre che entra ed esce dalla galera. Malgrado il suo aspetto esile e delicato, sulle spalle di Ree grava il peso di essere l’unica persona “adulta” e responsabile nella sua famiglia e l’assoluta necessità di ritrovare suo padre, per non perdere la casa ed evitare l’adozione dei fratellini che accudisce come una madre amorevole. Ree inizia a cercare il padre all’interno di una comunità che, protetta dai boschi e dalle montagne, è quasi interamente coinvolta nella produzione di cocaina. Per salvare casa e famiglia affronta violenza e omertà, mostrando la propria determinazione e una incrollabile forza di volontà.

Uscite al cinema del 25 febbraio

127 Ore

 

127 Ore - visualizza locandina ingrandita

127 Hours racconta la vera storia di Aron Ralston, l’alpinista americano divenuto tristemente famoso per essere rimasto imprigionato da una frana nel corso di una scalata nello Utah dalla quale si liberò dopo quasi cinque giorni amputandosi da solo il braccio rimasto intrappolato.

Body

 

Body - visualizza locandina ingrandita

Il sonno di Chon è disturbato dagli incubi. Lui prova a non dormire poichè spaventato da una ragazza che incontra spesso nei suoi sogni. In questi, lei urla in cerca di aiuto prima che venga uccisa in modo cruento. Ae, la sorella di Chon è preoccupata riguardo ciò che il fratello vede nei suoi sogni, così gli presenta uno psichiatra. Chon cerca di provare che quello che vede non è soltanto un illusione. Finalmente scopre di avere ragione quando alcuni indizi nei suoi incubi lo spingono verso l’obitorio numero 19.

Ladri di cadaveri


Ladri di cadaveri - visualizza locandina ingrandita

Ispirato a fatti e personaggi realmente esistiti, il film è una commedia horror che racconta di una coppia di serial killer ante-litteram, William Burke (Pegg) e William Hare (Serkis). I due, tra il 1827 e il 1829, uccisero 17 persone rivendendo poi i corpi delle vittime alle università scozzesi che li dissezionavano durante le lezioni di anatomia.

Manuale d’amore 3


Manuale d'amore 3 - visualizza locandina ingrandita

Tre nuovi capitoli per il Manuale d’amore di Giovanni Veronesi. Il regista punta, questa volta, l’obiettivo sulle diverse età dell’amore. “Giovinezza” racconta la storia di Roberto (Riccardo Scamarcio), giovane e ambizioso avvocato, prossimo alle nozze con Sara (Valeria Solarino), e del suo travolgente incontro con Micol (Laura Chiatti), bellissima, provocante e misteriosa. “Maturità”. Fabio (Carlo Verdone), un affermato anchorman televisivo, marito fedelissimo da 25 anni, viene travolto da un incontro imprevisto e fatale. L’intrigante Eliana (Donatella Finocchiario) non è però chi sostiene di essere. “Oltre”. Adrian (Robert De Niro) è un professore americano di storia dell’arte che da qualche anno, dopo il divorzio dalla moglie, ha scelto di vivere a Roma, la città che ha sempre amato. Riservato e solitario frequenta poche persone tra cui Augusto (Michele Placido), il portiere dello stabile in cui vive. Forse solo a lui ha rivelato il suo segreto: sette anni prima ha subito un delicatissimo intervento di trapianto del cuore. Il fulminante incontro con la figlia di quest’ultimo, Viola (Monica Bellucci), sconvolgerà la sua tranquilla esistenza.
Shelter - identità paranormali - visualizza locandina ingrandita

Ramona and Beezus

Ramona and Beezus - visualizza locandina ingrandita

Il film tratto dall’omonima serie di libri per ragazzi scritti da Beverly Claery, segue le vicende della giovane Beatrice “Beezus” Quimby sempre alle prese con la dispettosa sorella Ramona.

Shelter – identità paranormali


Cara è una psichiatra forense che scopre che un suo paziente, è affetto da problemi di personalità multipla. Il fatto inquietante è che tutte le personalità dell’uomo sembrano essere state vittime di brutali assassinii. Fenomeno soprannaturale? Allucinazioni? Cara dovrà scoprirlo velocemente, prima che il suo tempo finisca.

Space Dogs 3D

 

Mosca 1950. Molti cani randagi spariscono misteriosamente catturti da un’auto nera che si aggira nelle ore notturne per la città. Nessuno sa dove vengano portati. Belka è fortunata. Con il suo numero del razzo spaziale è la star del circo di Mosca ed è amata dal pubblico. Per molti altri cuccioli come Strelka invece la situazione è drammatica. Un giorno però le due cagnette vengono rapite dalla misteriosa automobile e portate al centro spaziale, dove, sotto la guida del cane istruttore Kazbek e aiutate dal topolino Venya, verranno addestrtate per la conquista dello spazio…o quasi.

Unknown – senza identità


Unknown - senza identità - visualizza locandina ingrandita

A Berlino per un congresso, il Dott. Martin Harris è vittima di un incidente stradale a bordo di un taxi. Dopo quattro giorni di coma si risveglia, per scoprire che un altro uomo ha assunto la sua identità e che persino sua moglie, in viaggio con lui, afferma di non conoscerlo. Ignorato dalle autorità e braccato da un misterioso assassino, Martin trova nella tassista del suo incidente un alleato per scavare a fondo in un mistero che mette in gioco la sua identità e la sua sanità mentale.

Il grinta - visualizza locandina ingrandita

Dopo che il padre è stato ucciso da un pistolero di nome Tom Chaney, la 14enne Mattie Ross decide di avere la sua vendetta. Per avere aiuto, assolda il più duro dei Marshall del west, Reuben J. ‘Rooster’ Cogburn, un uomo ruvido e dal carattere difficile che accetta con riluttanza che Mattie lo accompagni nella caccia all’uomo di cui è stato incaricato. A loro si unisce poi un Texas Ranger di nome LaBoeuf, da tempo sulle tracce di Chaney.

Film in uscita al cinema la prima metà di febbraio 2011?

Film che escono al cinema nella prima metà di febbraio :

Biutilfull – 4 febbraio

I sacrifici e le preoccupazioni di un padre alle prese con un cancro e con i suoi due bambini

Biutiful

Femmine contro Maschi – 4 febbraio

Commedia conservatrice, che fa del luogo comune un fine anziché un mezzo

Femmine contro Maschi

I fantastici viaggi di Gulliver – 4 febbraio

Tra piccolissimo e grandissimo si inserisce Jack Black, Gulliver quasi solo di nome

I fantastici viaggi di Gulliver

Another Year – 4 febbraio

Attraverso le stagioni, la vita di una coppia e dei loro amici

Another Year

Into Paradiso – 11 febbraio

L’amicizia tra due diversi, schiacciati da politicanti e camorristi

Into Paradiso

Burlesque – 11 febbraio

Christina Aguilera esordisce sul grande schermo con un musical ispirato a Cabaret

Burlesque

Sanctum 3D – 11 febbraio

Sul fondo dell’oceano, una drammatica lotta per la sopravvivenza

Sanctum 3D

Rabbit Hole – 11 febbraio

L’esperienza del lutto vissuta da una giovane coppia benestante del Queens

Rabbit Hole

Il Truffacuori –  11 febbraio

Una sola settimana per riuscire a rompere un fidanzamento indissolubile

Il truffacuori

Senna – 11 febbraio

La vita e le imprese del compianto pilota brasiliano tre volte campione del mondo di F1

Senna

Gianni e le Donne – 11 febbraio

Il baby-pensionato Gianni alle prese con donne d’ogni generazione

Gianni e le donne

 

Quando esce Paranormal Activity?

Paranormal Activity è uscito il 5 febbraio in tutte le sale cinematografiche.

Questo film horror ha riscosso molto successo in america ed era molto atteso anche da noi in Italia.

Nel film i giovani e innamorati Katie e Micah sono perseguiti da uno spirito  che infesta la loro casa, e decidono di riprendere con la loro nuova videocamera tutto quello che accade, di giorno e soprattutto di notte, per scoprire cosa si cela dietro a questo mistero.

Dopo il successo di the blair witch project  e Rec si ripete questa ondata di film in stile documentario, che pare coinvolgere particolarmente il pubblico.

Trailer Paranormal Activity

A quanto pare, nonostante sia uscito soltanto ieri Paranormal activity lo si trova già in rete in streaming in lingua italiana e sia l’audio che il video sono ottimi, almeno così dicono i commenti su linkstreaming.

Chi è il regista di Avatar?

Il regista di Avatar, il film più costoso della storia del cinema ( 500milioni di dollari) è James Cameron.

Nella filmografia di James Cameron, degni di nota film come Terminator, AlienTitanic il film che ha incassato di più nella storia del cinema con 1 miliardo e 850 milioni di dollari ma che rischia di essere sorclassato da Avatar che ha già superato il miliardo di dollari. di incassi..

 

Avatar esce nelle sale italiane oggi 15 gennaio .

Avatar-James-Cameron-Sam-Worthington-Jake.jpg

quando uscirà nelle sale cinematografiche la seconda parte del film su Che Guevara interpretato da Benicio Del Toro?

la prima parte del film è uscita nelle sale cinematografiche il 10 aprile del 2009, la seconda e attesa parte sarà visionabile al cinema il 1 maggio del 2009

curiosità: Che l’argentino, è un progetto titanico, più di 10 anni di lavoro di documentazione, 7 anni di letture e indagini, 3 di riprese.

queste sono le premesse per capire la cinebiografia su Che Guevara, firmata Steven Soderbergh e interpretata da Benicio Del Toro, premio come migliore attore a cannes nel 2008.

4 ore e mezza di film, divise per l’appunto in due parti.

manifesto_che_argentino.jpg