Testo Inno di Mameli

Golfredo Mameli dei Mannelli è nato nella repubblica di Genova nel 1827ed è l’autore dell’inno nazionale italiano.Una delle figure più celebri del Risorgimento Italiano morì a seguito di una ferita infetta che si procurò durante la difesa della seconda Repubblica RomanaInno di MameliFratelli d’Italia,l’Italia s’è desta, dell’elmo di Scipios’è cinta la testa. Dov’è la Vittoria? Le porga la chioma, che schiava di Roma Iddio la creò. Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò. Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Noi fummo da secoli calpesti, derisi, perché non siam popoli, perché siam divisi. Raccolgaci un’unicabandiera, una speme: di fonderci insieme già l’ora suonò.Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Uniamoci, uniamoci, l’unione e l’amore rivelano ai popoli le vie del Signore. Giuriamo far libero il suolo natio: uniti, per Dio, chi vincer ci può?Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Dall’Alpe a Sicilia, Dovunque è Legnano; Ogn’uom di Ferruccio Ha il core e la mano; I bimbi d’ItaliaSi chiaman Balilla; Il suon d’ogni squilla I Vespri suonò.Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Son giunchi che piegano Le spade vendute;Già l’Aquila d’AustriaLe penne ha perdute.Il sangue d’ItaliaE il sangue PolaccoBevé col Cosacco,Ma il cor le bruciò.Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì!