Quanti italiani fanno acquisti online ? Cosa comprano gli italiani online ?

Per molto tempo gli italiani sono stati piuttosto diffidente riguardo gli acquisti tramite internet, ma nell’ultimo anno sembra che le abitudini degli italiani siano cambiate radicalmente.

L’Ansa ha reso noto oggi la notizia, che secondo gli ultimi dati raccolti nel 2012, c’è stato un aumento dell’e-commerce elettronico del 30%.

shopping_online_crescita.jpg

Il consorzio del commercio elettronico Italiano (Netcomm), ha dichiarato che nel 2012 sono stati 12 milioni gli italiani che hanno fatto acquisti in rete.

Secondo lo stesso studio effettuato dalla Netcomm, i compratori attivi online fanno un acquisto ogni mese.

 Al primo posto, tra gli oggetti più acquistati in rete,  troviamo a sorpresa i libri, il prodotto più ricercato online.

 

Qual è la email più utilizzata al mondo ?

Fino a pochi anni fa era sicuramente hotmail, il sevizio offerto dalla Microsoft che contava molti milioni di utilizzatori.

Hotmail, dati alla mano, ha circa 300 milioni di utenti che utilizzano questo servizio di posta elettronica.

Pochi giorni fa sono apparsi i numeri delle persone che utilizzano Gmail, il servizio di posta elettronico di Google, che vanterebbe più di 420 milioni di utenti attivi.

gmail-logo.jpg


Questo sorpasso è dovuto molto probabilmente all’incremento delle vendite degli smartphone con sistema operativo Android.

Questo perchè per scaricare android è obbligatorio iscriversi prima a Gmail.

Altro successo della casa Google è senza dubbio Google Chrome, che pare abbia superato i 300 milioni di utilizzatori, battendo nuovamente il suo rivale Microsoft con Internet Explorer.

Windows 8 RTM per tutti

Buon giorno Gente!!

Oggi volevo accennarvi sulla uscita beta (in prova per 90 giorni) della versione RTM di Windows 8 versione finale Windows 6.2. Da alcune ore si mostra al pubblico!

Come da programma, da alcune ore gli iscritti ai programma per sviluppatori e professionisti di Microsoft (MSDN e TechNet) possono scaricare la propria copia di Windows 8 in versione Pro. Per tutti gli altri ansiosi di provare il nuovo OS di Redmond (con l’avvertenza che si tratta ancora di una versione non pienamente supportata dai software di terze parti), è anche disponibile una versione trial (32 e 64bit, anche in italiano) da 90 giorni che è in tutto e per tutto identica alla RTM rilasciata a inizio mese e a quella che arriverà sugli scaffali dal 26 ottobre.

Windows 8  RTM download, Windows 8  RTM beta, tecnologia, pc, internet


A differenza della Release Preview di giugno, la nuova build 9200 incorpora tutti i cambiamenti promessi e presentati in questi mesi da Microsoft: sparito per sempre Aero, l’interfaccia desktop è ora quasi completamente bidimensionale e più in linea con il nuovo stile Metro della nuova release del sistema operativo. Dalla circolazione sono sparite anche le varie scritte “preview” che occupavano lo schermo al lancio delle applicazioni predefinite (ad esempio Mail per la posta elettronica e quella per il meteo), mentre è stata cambiata leggermente la grafica di alcune icone (come quella dello Store): nel complesso, comunque, le differenze tra la Release Preview e la versione finale si contano sulla punta delle dita.

Tra i cambiamenti più drastici c’è il numero di personalizzazioni possibili per la grafica della pagina Start in modalità Metro: Microsoft ora ha allargato notevolmente il numero di personalizzazioni possibili, fattore senz’altro interessante per una certa fascia di pubblico ma che poco incide sulle qualità complessive di Windows 8. Più interessante l’inserimento di un video di “introduzione” alla nuova interfaccia che fa capolino durante le fasi finali dell’installazione: a seconda del tipo di hardware rilevato suggerirà di puntare il mouse negli angoli dello schermo o di usare le dita per iniziare a familiarizzare a un desktop senza pulsante Start. Più in generale, l’intero processo di installazione è stato ulteriormente affinato: con un paio di riavvii e tempi di installazione inferiori a quelli di Vista e Seven si arriva facilmente alla configurazione delle impostazioni fondamentali (account utente, rete locale ecc). Un PC usato in redazione per un test, un vecchio Pentium 4, ha impiegato 20 minuti per completare l’intera procedura.

 Nel complesso le prestazioni sono analoghe a quelle già viste dalla prima preview dello scorso settembre: Windows 8 lavora adeguatamente su PC dell’era Vista, per non parlare di quelli di epoca Seven, e pertanto potrà essere utilizzato per aggiornare un vasto parco di macchine. Lo stesso dicasi per le applicazioni: quelle costruite per il “vecchio” Windows potranno tranquillamente continuare a funzionare all’interno del Desktop. Nello Store fanno capolino alcune schede relative proprio a questo tipo di prodotto (ci sono anche le prime app a pagamento), e non ci dovrebbero essere particolari incompatibilità tra quello che funziona su Seven e quanto funzionerà su Windows 8.
Se molte delle differenze tra la Release Preview e la build 9200 sono sotto il cofano, una novità che salta subito all’occhio è lo sbarco di Bing sulla schermata Metro Start: si tratta di un app piuttosto essenziale, che consente di avviare una ricerca sul motore di Redmond inserendo il testo nella casella dedicata, e che presenta i risultati in forma tabellare. Un clic su uno di questi non fa altro che lanciare il browser di default (se disponibile la modalità Metro, come nel caso dell’ultimo Chrome o di Internet Explorer, partirà quella) per visualizzare i contenuti.

Non ci sono altri cambiamenti drastici apportati. Il vero dubbio che attanaglia gli sviluppatori, cioè coloro i quali dovrebbero essere interessati a questo rilascio, è come si comporteranno le applicazioni WinRT (le nuove API di Windows 8) sui prodotti Windows RT (quelli basati su chip ARM): non è ancora chiaro quali deroghe alla stretta osservanza del nuovo credo RT saranno concesse, visto che come sottolinea ZDNet alcune concessioni Microsoft ha dovuto farle a sè stessa per realizzare una versione RT di Office 2013. Con l’uscita di Surface e dei suoi cugini in contemporanea al nuovo OS, a ottobre, sarebbe utile per chi punta a quella data per rilasciare il proprio software avere maggiori informazioni in merito. Informazioni che però probabilmente Microsoft distribuirà solo durante Build, la conferenza in programma a Redmond dal 30 ottobre e che si concentrerà proprio sullo sviluppo e sulle doti di Windows 8

Microsoft lancia So.cl un nuovo social network

Dopo l’uscita di Twitter, Facebook e Google + non poteva certo mancare la Microsoft con un nuovo social network Microsoft So.cl.

So.cl è stato creato attraverso una serie di test presso l’Università di Washington, Syracuse University, New York University e Microsoft è stata molto interessata a gestire le aspettative sul progetto.

so.cl.jpg

La Microsoft non ha fatto grandi annunci, a quanto pare vuole indirizzare questo social network verso una direzione accademica per i giovani, per estendere la loro esperienza educativa e di ripensare al modo di apprendere e comunicare.

Per accedervi vi basta avere un account di accesso di Facebook o un account Windows Live.

Qui di seguito trovate l’indirizzo http://www.so.cl/

Videoconferenza con schermo che segue i movimenti della testa, nuova tecnologia Giapponese

Negli ultimi 10 anni le videoconferenze sono aumentate drasticamente, portando i ricercatori a creare nuove tecnologie per rendere più comoda ogni tipo di comunicazione.

MM-space, sviluppato dalla NTT Communication Science Laboratories, è un sistema per rendere il più reale possibile la videocomunicazione tra più utenti.

Questo sistema registra i volti e le voci degli utenti da dove sono collegati, e li trasmette in un locale dove è ricreata la conversazione.

mm-space-5.jpg

Ogni utente appare su un display separato che è controllato da attuatori che permettono allo schermo di girare fisicamente a sinistra, a destra, su e giù, simulando i movimenti della testa della persona sullo schermo.

Questi movimenti vengono catturati utilizzando face-tracking software.

Per aumentare la sensazione che la conversazione sta accadendo nel mondo reale, il sistema rimuove anche lo sfondo rendendolo trasparente, in modo tale che sul display appaia solo il volto dell’interlocutore.

 

  

Guadagnare diventando un Hacker, Google offre 60 mila dollari

Non è una falsa notizia ma la pura verità, Google ha offerto 60 mila dollari a chi riuscirà penetrare le difese di Google Chorme.

Questa strategia è molto furba, perchè in questo modo google si tutela in anticipo e in più assumerà sicuramente gli hackers più virtuosi del mondo, proteggendosi così da possibili attacchi futuri.

google chrome hackers.jpg

In pratica bisogna partecipare ad un concorso cercando di trovare della falle e fornire i dettagli completi dell’attacco sferrato.

Google offre 20 mila dollari agli hackers che troveranno difetti in grado di mettere a rischio la stabilità del motore di ricerca e 40 mila dollari a chi riuscirà invece a trovare un punto debole di Google Chrome combinato con un difetto windows 7.

Se siete degli hackers è il momento di sfidare il colosso più grande del web !

Trucchi per navigare nascondendo indirizzo ip

Volete navigare in totale anonimato e senza far comparire il vostro indirizzo ip?

Per fare questo basta appoggiarsi ad un servizio proxy, completamente gratuito e reperibile online.

In passato mi era capitato di voler vedere dei siti ufficiali americani, ad esempio quello della Showtime, la casa produttrice della serie tv Dexter, e quando provavo e vedere dei filmati, mi diceva che c’era una limitazione e che dal mio paese non potevo guardarli..

Uhm sta cosa non è un caso raro, infatti ci sono molti siti stranieri che limitano la loro visibilità eslusivamente al loro continente di appartenenza.

Per raggirare questo problema bisogna usufruire di un servizio proxy.

Come funziona un servizio proxy ?

servizio proxy.jpg

In pratica un servizio proxy esegue l’accesso ad un server al posto del tuo computer, in modo da non far comparire il tuo reale indirizzo Ip.

I servizi proxy funzionano tutti allo stesso modo basta infatti accedere al servizio e inserire l’indirizzo del sito che si desidera navigare, ossia l’ URL nelle apposite barre di ricerca.

Quindi un servizio proxy fa da filtro e ti da la possibilità di navigare in forma anonima e di aggirare le restrizioni di contenuti limitate ad alcuni Paesi.

Ecco alcuni siti “Proxy server” che offrono la possibilità di navigare in anonimato : 

http://surfmo.com/

http://blewpass.com/

http://free-proxy.me/

http://fetch4.me/

http://www.totalnetprivacy.com/webclient.aspx

Navigare con adsl senza avere linea telefonica, con webcube della tre.

L’uso del cellulare ormai sta sostituendo il comune telefono di casa, quindi spesso quando si cambia non si fa l’allaccio del telefono.

fino a poco tempo fa, questo portava dei problemi per chi voleva mettere l’adsl in casa, perchè necessitava almeno la presa del telefono, ma la compagnia telefonica della Tre, ha risolto il problema con la creazione di un modem Wi-fi che non necessita di attacco telefonico.

Questo prodotto è il webcube che può essere inserito in una presa qualsiasi di corrente e tramite dispositivo wi-fi far navigare contemporaneamente fino a 5 dispositivi.

 

Caratteristiche : WebCube non necessita di alcuna installazione, inseriscilo in una presa di corrente e sei pronto per connetterti ad Internet. Ideale da utilizzare a casa o in ufficio, permette la connessione ad Internet dei tuoi dispositivi Wi-Fi (smartphone, netbook, notebook, TV, lettore DVD, console per videogame) WebCube funziona sotto copertura rete HSPA e UMTS. Non è possibile utilizzare WebCube in Roaming Nazionale e Internazionale.

Il prezzo del prodotto è di € 89,00.

Ci sono contratti flat a 19,90 euro al mese per maggiori informazioni visita il sito ufficiale Tre

Chi usa più internet gli uomini o le donne ? quanti sono gli italiani che navigano? questo ed altre curiosità scoprilo su risposteonline

Eravamo rimasti due anni fa a circa 21 milioni di italiani, che utilizzano occasionalmente internet.

Bene a distanza di due anni è aumentato il numero degli italiani che si collega ad internet.

 Secondo l’ultimo rapporto di Audiweb, sono quasi 25 milioni gli italiani che si collegano almeno una volta al mese su internet.

il numero degli italiani che si connettono ad Internet giornalmente è aumentato dell’11,3% su base annua, passando da 11,3 a 12,6 milioni e gli utenti che hanno usato il web lo hanno fatto, in media, per 1 ora e 32 minuti al giorno.

I maggiori utilizzatori di internet sono gli abitanti del nord ovest e nel sud nelle isole.

C’è una distinzione anche per quanto riguarda il sesso dell’internauta, infatti gli uomini che si collegano giornalmente  sono circa 7 milioni contro i 5,5 milioni delle donne.

La fascia di età media è compresa tra 35 e i 54 anni e la fascia oraria con più traffico è quella pomeridiana fino alle 21.

Per finire ogni italiano che si collega ad internet, visita mediamente 75 pagine differenti.

Come creare un curriculum vitae in formato pdf online ?

Volete creare un curriculum vitae e non sapete da che parte iniziare?

Bene vi suggerisco un sito che vi permette di crearlo gratuitamente in formato pdf, in modo tale da poterlo inviare alle varie proposte di lavoro che potete trovare in rete.

il sito in questione è http://pdfcv.com/ e vi da la possibilità di creare un curriculum vitae tramite l’accesso account di Facebook, Twitter, Google o LinkedIn.

Il sito è in inglese ma è semplicissimo da usare.

Entrate nella homepage del sito e cliccate sul pulsante create cv, dopodichè scegliete con quale account accedere.

Fatto questo sarete pronti per creare il vostro curriculum vitae. Inserite tutte le informazioni necessarie, compresa la vostra foto. In alto, sottoforma di menù orizzontale, troverete le categorie; esperienza lavorativa, educazione, lingue, ecc… Quando avrete terminato cliccate sul pulsante “save” in alto a destra.

pdfcv.png